domenica 24 settembre 2017

Editrice Nord: le novità da leggere assolutamente

Una casa editrice che sta sfornando contemporaneamente libri molto interessanti è la Nord. Dopo aver letto e recensito per voi 'La metà che ho lasciato', oggi vi presento altri piccoli capolavori che stuzzicano la mia curiosità. Primo fra tutti 'La moglie imperfetta' di Paris B.A., un thriller che vi lascerà col fiato sospeso durante tutta la sua lettura. La protagonista è una donna che, dopo la triste vicenda della madre vissuta in prima persona, inizia a temere di soffrire della stessa brutale malattia che a poco a poco le ha fatto dimenticare anche gli affetti più cari. Ogni volta che dimentica le chiavi di casa o di chiudere una porta, il solo pensiero di avere quella patologia la terrorizza, e anche suo marito purtroppo sembra distante e lontano, quasi voglia evitarla. Una sera, di ritorno casa, supera un auto all'interno della quale si trova una donna, ma lei non si ferma ad aiutarla. Il giorno successivo scopre che quella stessa donna è stata brutalmente assassinata proprio nella stesso luogo dove l'aveva avvistata la sera precedente. Iniziano per la protagonista i sensi di colpa cui si aggiungono una serie di telefonate mute e la strana sensazione di essere continuamente spiata.


«Una storia che si inizia a leggere e non si riesce più a lasciare.»
Elle

«Un thriller psicologico magistrale, dove il confine tra amor fou e prigionia si fa sempre più labile, mentre la tensione sale.»
Donna Moderna

«Una storia che, tra colpi di scena e lampi di follia, conduce il lettore negli angoli più oscuri della psiche, tenendolo con il fiato sospeso fino alle ultime righe.» Libero


Altro libro edito da Nord che mi incuriosisce parecchio e di cui farò quanto prima una recensione è 'Ogni piccola bugia' di Alice Feeney
'Mi chiamo Amber Reynolds 
e ci sono tre cose che dovreste sapere di me: 
sono in coma, 
mio marito mi odia 
a volte dico bugie'

Amber è in coma e l'unico contatto con l'esterno sono le voci che sente all'interno della sua stanza d'ospedale. Le riconosce: sono suo marito e sua sorella che sussurrano, litigano, confabulano, rivelano dettagli inquietanti e indizi che le fanno capire che non si deve fidare di loro. Riesce ad ascoltare che ha avuto un incidente d'auto, ma è quasi impossibile dal momento che lei non guida quasi mai. Nel suo sonno profondo inizia a ripercorrere gli eventi dell'ultima settimana e a poco a poco in lei cresce la paura. Le fa paura anche l'uomo che ogni sera, senza essere visto, le si accosta e le sussurra all'orecchio parole inquietanti. Chi è? Cosa vuole da lei?



«Un romanzo carico di suspense, con un finale imprevedibile e sconvolgente. Magnifico!» 

B.A. Paris, autrice del bestseller La coppia perfetta

«Un esordio coinvolgente e originale. In una parola: straordinario.»

The Sun

giovedì 21 settembre 2017

La recensione di 'La metà che ho lasciato' di Monica Carrillo



La metà che ho lasciato

Monica Carrillo

Traduttore:  P. SpinatoG. Di Tolle
Editore:  Nord
Collana:  Narrativa Nord
Anno edizione:  2017
Pagine:  306 p., Rilegato 
  • EAN: 9788842929673

Oggi voglio scrivere cosa penso dell'ultimo libro letto. Sinceramente pensavo fosse la solita bufala: tanta pubblicità e poco valore effettivo. In realtà 'La metà che ho lasciato' è una storia delicatissima e profonda che ci fa pensare al valore delle cose e a quante volte nella vita diamo importanza a sentimenti e persone che in realtà non lo meriterebbero e ci lasciamo veramente scappare momenti, situazioni e sentimenti che varrebbe la pena assaporare per intero. Un inno alla vita e alla possibilità di vivere pienamente ogni cosa. Un libro che ci fa capire anche che tutto potrebbe finire nel giro di pochi minuti e che su questa terra siamo solo di passaggio; siamo pronti a lasciare tutto quello che ci circonda? La nostra vita, i nostri amori, le nostre amicizie, le nostre vittorie e le nostre paure? Siamo preparati a una cosa del genere, oppure pensiamo sempre che non è ancora il nostro momento e 'perdiamo' soltanto un sacco di tempo senza assaporare il vero senso delle cose della vita? Ho amato 'La metà che ho lasciato' sin dalle prime pagine!

Sinossi

Un attimo di distrazione, una frenata brusca, poi il buio. Malena non sa cosa sia successo, però è consapevole che quell'incidente potrebbe far calare il sipario sulla sua breve esistenza. In bilico sull'orlo dell'abisso, Malena ripensa alle scelte che l'hanno condotta fin lì, agli amici che l'hanno sorretta o delusa durante il cammino, e a Mario, la persona che più di tutte ha forgiato il suo destino. Perché Mario era il suo mondo, mentre lui la considerava solo un'avventura. Malena si era illusa che, col tempo, lui sarebbe cambiato. Ma, ora che il suo tempo forse sta per finire, Malena ricorda i messaggi senza risposta, le parole non dette, i baci negati, i gesti scostanti e i lunghi silenzi. E si rende conto che, per seguire lui, stava sacrificando la sua vita. 

Le frasi più belle di 'La metà che ho lasciato'

Mi è sempre piaciuta la pioggia.
Cade e nessuno l’aiuta a rialzarsi.
Ma lei continua a cadere, senza paura.
Anche l’amore è così.





domenica 10 settembre 2017

La recensione di 'Ci vediamo un giorno di questi' di Federica Bosco

Ci vediamo un giorno di questi

Federica Bosco

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2017
Pagine: 320 p., Rilegato

Oggi voglio raccontarvi la mia ultima lettura. Purtroppo è solo un estratto dato che il romanzo vero e proprio sarà nelle librerie dal 14 settembre. Su Amazon è già ai primi posti in classifica e le prenotazioni sono state davvero tante, Devo ammettere che ero un po' scettica a leggere 'Ci vediamo uno di questi giorni' più che altro perché dell'autrice avevo solo un vago ricordo di quando era alle prime armi e non mi aveva entusiasmato poi tanto. Oggi devo proprio ricredermi; pagina dopo pagina questo romanzo mi ha entusiasmato e incuriosito, e voglio trasmettere anche a voi questa bella impressione. Sicuramente finirò di leggerlo appena disponibile in libreria. 

Sinossi

Due bambine che diventano amiche nonostante le differenze di carattere e del vissuto quotidiano. Due amiche che crescono e diventano donne, ognuna con le proprie esperienze di vita, i propri dolori, le proprie gioie, vittorie e delusioni, sempre insieme nonostante tutto. 

La recensione di Libriinuscita

'Ci vediamo un giorno di questi' mi ha rapito fin dalle prime parole e ho letto l'estratto tutto d'un fiato. Che dire! Non vedo l'ora che arrivi il 14 settembre per continuare questa piacevolissima lettura e per scoprire cosa ne sarà delle due amiche inseparabili!

Le frasi più belle di 'Ci vediamo un giorno di questi'


'È difficile pensare che al mondo ci fossero due persone più diverse di me e Cate.
Nemmeno a farlo apposta, non c’era quasi niente che ci accomunasse: 
lei aveva assoluta fiducia nel prossimo, 
io diffidavo anche della mia stessa ombra; 
lei brillava come un faro, io al massimo come una lucciola; 
lei era l’anima della festa, io la tappezzeria beige' 


'Nel mio mondo pieno di spigoli lei era una piacevole imbottitura.
Perché a me la vita metteva sempre un po’ in soggezione, 
come se fossi sua ospite e non volessi disturbare, 
mentre Cate non si faceva nessun problema 
a camminarle sui tappeti con le scarpe sporche'

'Cate era tutto quello che io non sarei mai stata, 
e nella mia vita ordinaria e grigia 
era quel raggio di sole che filtrava dalle persiane'

'Ero sempre stata una spettatrice della vita, non una concorrente.
Rimanevo sugli spalti a fare il tifo, ma non prendevo mai parte alla gara.
In fondo non tutti possiamo essere atleti no?' 


mercoledì 30 agosto 2017

Il libro della settimana: 'Ultima birra al Curlies Bar'


Oggi inauguriamo una nuova rubrica che chiameremo 'Il libro della settimana' e che ospiterà ogni settimana un libro selezionato dalla nostra redazione e che ci piacerebbe far conoscere al grande pubblico. Il libro di questa settimana è 'Ultima birra al Curlies Bar', un libro di Armando Bonato Casolaro edito da Historia Edizioni e venduto su 




Titolo: Ultima birra al Curlies Bar
Autore: Armando Bonato Casolaro
Editore: Historica Edizioni 
Data di uscita: 18 maggio 2017
Pagine: 270; prezzo: € 17,00

ISBN-10: 8894870189; ISBN-13: 978-8894870183

Gabriel Estevan è un direttore d'orchestra abituato a vivere in un mondo di sfarzo e di belle donne; peccato che lui in quel mondo ci si ritrovi poco o quasi per niente, con la sua aria di chi sente di essere un po' fuori posto. Nel giorno del suo quarantaduesimo compleanno lascia improvvisamente la sua carriera per inseguire una serie di eventi del passato che lo porteranno a incontrare una carrellata di personaggi, ognuno con la propria peculiarità, col sottofondo di alcune delle musiche più belle di tutti i tempi, da Wagner a Debussy a Ravel, in un viaggio esteriore (e non solo) che lo porterà fino all'India. A noi piace l'idea del viaggio in India sulle tracce di un amico scomparso, oltre ai vari personaggi che il protagonista incontrerà lungo il suo cammino; è per questo che abbiamo scelto 'Ultima birra al Curlies Bar' come libro della settimana. Cosa ne pensate? Potete acquistarlo qui!

martedì 15 agosto 2017

La recensione di 'Inside me' di Flora A. Gallert


Titolo: Inside me
Autore: Flora A. Gallert
Acquistalo su Amazon qui!

Oggi ho finito di leggere un altro romanzo di un'autrice che sinceramente non ho mai sentito nominare, ma che ho acquistato su Amazon soltanto perché la trama sembrava interessante. Mi capita sempre più spesso di leggere libri di autori poco noti e devo ammettere che il self publishing mi sorprende ogni giorni di più. Scopro di avere ancora interesse alla lettura, cosa che spesso sembro non avere quando mi accingo a leggere romanzi che vengono osannati dalla critica e poi si rivelano la solita storia trita e ritrita. Mi piacciono le storie che raccontano dei sentimenti, mi piace come viene descritto ogni singolo stato d'animo, mi incuriosiscono i personaggi che tessono la trama e scoprire pian piano i pensieri che l'autore ha elaborato mentre scriveva determinati passaggi. Passiamo alla mia ultima lettura: Inside me di Flora A. Gallert!

Sinossi

Iris viene adottata all’età di 17 anni. La sua nuova famiglia si dimostra fin da subito dolce e comprensiva, soprattutto suo fratello Nathan, un ragazzo poco più grande che la ricopre di attenzioni.
Ad Upper S School, lei è la novità: spezza la solita routine e sono tutti ben disposti nei suoi confronti. Tutti tranne uno. Jared è un ragazzo alto, dai capelli scuri e pallido, che la evita e sembra odiarla. Eppure dove si trova lei, c’è lui. Ma tutti, compreso suo fratello, le intimano di stargli lontano. Le dicono che è pericoloso, strane storie, infatti, circolano su di lui.
Lei lo cerca, lo vuole, lo desidera. Non ha paura, anche se le scoperte sono sempre più inquietanti.
Perché, nonostante tutto, lui è sempre pronto a proteggerla e qualche volta cede…
Ma perché si comporta così? Cosa nasconde? Ed è l’unico a nascondere qualcosa?

Jared è combattuto, non riesce a vivere in pace se lei gli è vicino, ma non riesce a trovare la pace se lei non gli è accanto. La fragranza del suo sangue lo scuote, lo attira, lo sconvolge.
L’amore sarà più forte del desiderio di assaggiare quel sangue tanto bramato da qualsiasi vampiro? Riuscirà a portare a termine la missione di proteggerla da se stesso e da qualsiasi altro male?


La recensione di 'Inside me'

Ho amato tutto di questo breve romanzo, tranne il fatto che sia stato così breve. L'ho letteralmente divorato e non solo per la trama molto bella ed interessante, ma anche perché ben scritto, cosa cui tengo moltissimo. Mi sono piaciuti subito tutti i personaggi principali, in particolare Jared, mentre Iris si discosta molto dalle solite protagoniste un po' tonte e imbranate di tanti romanzi simili nel genere. Ho apprezzato il suo carattere forte, la sua capacità di avere le idee chiare, la sua determinazione e il suo coraggio. Unica cosa sui cui purtroppo devo fare un appunto è la brevità della storia; al lettore non sarebbe dispiaciuto soffermarsi maggiormente sul sentimento che nasce tra Iris e Jared, oppure sulle sensazioni provate da entrambi nella fase della conoscenza. Ad un certo unto la storia subisce una vera e propria rincorsa per arrivare al tanto sospirato 'The End' che il lettore rimane un po' disorientato. Si sarebbe aspettato un po' più di suspence e qualche colpo di scena. Ad ogni modo Libriinuscita ve lo consiglia e ve lo propone come una delle letture perfette sotto l'ombrellone! Cosa aspettate a ordinarlo? Lo trovate su Amazon!

Le frasi più belle di 'Inside me'

'Non lo so... so solo che averti vicina mi logora il corpo e allontanarti mi logora l'anima'.

“La situazione mi è sfuggita di mano. Io non dovevo innamorarmi di te, 
non dovevo affezionarmi perché la mia natura non mi consente 
di avere un rapporto normale con un’umana. 
Ma i sentimenti sono entrati prepotentemente dentro di me,
 tu sei entrata prepotentemente dentro di me. 
Mi scorri dentro, Iris. 
E potrei lasciarti, ma mai, mai smettere di pensarti, di desiderarti”

giovedì 13 luglio 2017

Recensione di 'Dire wolf' di Raffaella Grandi










Autore: Raffaella Grandi
Titolo: Dire wolf
  • Editore: Youcanprint Self-Publishing (11 luglio 2016)
  • Acquistalo su Amazon!

Da poco mi sono accostata agli autori minori, quelli che a poco a poco si fanno strada su Amazon e sulle altre piattaforme di distribuzione editoriale, nell'attesa di sfondare. Molti di loro ce la fanno, altri arrancano, altri ancora rimangono sconosciuti ai più. Eppure è proprio tra questi autori che scopro talenti e menti ben più acute degli scrittori che continuamente scalano le classifiche dei libri più venduti in Italia e all'estero. Sarò pure controcorrente ma la lettura mia deve entusiasmare. Non è raro il caso in cui lasci a metà libri di autori prestigiosi per romanzi sconosciuti che mi appassionano sin dalle prime parole. La scrittura e la lettura sono attività 'a pelle' ; devono prenderti fin dalle prima pagine, devono farti immedesimare ai personaggi e 'Dire Wolf' lo ha fatto. Pensate che è stato letto in pochissime ore e tra uno stacco e l'altro il mio solo pensiero era finire di leggerlo. 

Sinossi

A soli diciassette anni, Elisa sa bene di non passare inosservata. Piuttosto alta, carnagione chiara e vellutata, lunghi capelli scuri, ogni giorno apre i suoi diffidenti occhi da cerbiatta su un mondo che non le pare più lo stesso, da quando ha capito di essere diversa da chiunque altro. La sua vita fin troppo serena e tranquilla, è infatti da poco stata sconvolta dalla scoperta di avere il "dono" di vivere gli ultimi momenti di vita di persone che stanno per morire in un posto non lontano da lei. L'angoscia di non essere mai riuscita a salvare le vittime pesa enormemente sulla coscienza della giovane ragazza, che comincia a porsi parecchie domande. Da cosa deriva questo "dono"? Ma, soprattutto, chi è veramente lei? Cosa la rende tanto diversa dalle altre ragazze della sua età? Grazie all'amico di sempre Sam e ai luoghi della sua infanzia, la protagonista proverà a ripercorrere la storia d'amore dei suoi genitori per tentare di capire le sue origini, ma strada facendo scoprirà ben presto che le persone che ama di più le hanno nascosto molte cose... Soprattutto una realtà che di "reale" ha poco o niente.

La recensione de 'Dire Wolf'

La protagonista ricorda molto da vicino la 'Bella' di Twilight, anche se se ne differenzia per la tempesta ormonale che sta attraversando. L'autrice è una vera maestra nella descrizione di sentimenti forti, quasi primordiali, che provano tra loro i vari personaggi che si susseguono in questo primo capitolo della trilogia. Un romanzo che piace molto non solo perché parla di licantropi, ma anche perché è ambientato in Italia e il lettore lo sente molto più vicino a lui di qualunque altro romanzo mai scritto prima sul tema delle creature fantastiche. Se mi è piaciuto? L'ho amato sin dalle primae battute. Mi ha rapito così tanto che non riuscivo a staccarmene; è stato difficile non leggerlo tutto d'un fiato. Complimenti a Raffaella Grandi aspettando di leggere il secondo capitolo che ho già acquistato! 

lunedì 26 giugno 2017

'Il giardino degli aranci': la recensione

Si possono cancellare i ricordi, 
ma ciò che abbiamo vissuto ritorna sempre a tormentarci, 
in una forma o nell’altra”



Titolo: Il giardino degli aranci: il mondo di nebbia
Autore: Ilaria Pasqua
Nativi Digitali Edizioni
Acquistalo su Amazon

Sinossi

Aria e il suo amico Henry vivono nel mondo di nebbia, una realtà dove non esiste la morte e dove gli abitanti sono costretti a convivere con i loro incubi. La città in cui vivono è sotto il potere dei 5 sacerdoti, ma Aria si sente di non appartenere a quel mondo. L'incontro con Will sarà determinante per portare Aria a capire quale sia la sua missione e a rischiare il tutto e per tutto per fare in modo di liberare le persone definitivamente e restituire loro quanto hanno perso.

La nostra recensione

'Il giardino degli aranci' è un libro che ho iniziato a leggere un po' per caso sulla scia dei commenti positivi letti nel web. Sono poco propensa a leggere libri che non hanno una fine immediata, e in genere evito le trilogie che mi annoiano già al primo capitolo. 'Il giardino degli aranci' di Ilaria Pasqua mi è piaciuto sin dalle prime pagine; non solo molto ben scritto, ma accattivante e intrigante nella trama. Non manca l'amore, anche se viene messo in secondo piano dagli eventi che si susseguono incalzanti dal momento in cui la protagonista capisce di avere una missione da compiere. L'ho letto in pochissimi giorni, e non mancherò di leggere anche i capitoli successivi. Complimenti alla giovane autrice: Ilaria Pasqua!