venerdì 8 giugno 2018

Consigli di lettura: Sarah Gilmore: la custode


Titolo: Sarah Gilmore: La Custode - Volume 1
Autore: Fabio Fanelli
Genere: Fantasy
Editore: Self Publishing
Pagine: 361
Prezzo: Formato Kindle Euro 1,69 - Cartaceo Euro 15,60
Link di acquisto: https://goo.gl/b78S1n




Sinossi:


Il mondo magico è in grave pericolo. Il nemico è in agguato pronto ad agire. Solo una ragazza può salvarlo: una ragazza comune del destino speciale.

Sarah è testarda, caparbia, coraggiosa e determinata, ma non sa di possedere queste doti fin quando non si scontra con il suo destino: diventare la Custode di un potente Grimorio.

Il suo cuore puro le permetterà di accedere al grande potere che custodisce il libro ma, poco avvezza alla magia e a ciò che ne deriva, riuscirà a fronteggiare gli Oscuri che vogliono conquistare il potere assoluto?

Saprà adattarsi a una nuova vita piena di pericoli ed ostacoli da affrontare?

Che aspettate? Immergetevi nel mondo di Sarah Gilmore.

Amore, Amicizia, Intrigo, Mistero e Magia sono gli ingredienti perfetti per un romanzo che vi stupirà!

martedì 15 maggio 2018

La treccia: recensione



Titolo: La treccia
Autore: Laetitia Colombani
Editore: Nord
Data di uscita: 3 maggio 2018
Acquistalo su Amazon qui

'La treccia' è uno di quei libri che non avrei mai iniziato a leggere per la sinossi, forse troppo 'scontata' e 'ritrita', mentre invece mi ha attirato per la copertina. Chissà perché ci sono delle copertine che ci attirano più di altre, sarà per i colori, per cosa rappresentano, oppure semplicemente per il tipo di carattere utilizzato, ci rapiscono e non sappiamo darne una spiegazione razionale. Ho iniziato a leggere 'La treccia' proprio per la copertina, poi perché è un libro che si trova nella top ten dei libri più venduti, e questo vorrà pur dire qualcosa. Se mi è piaciuto? Scopriamolo insieme...

Sinossi

A un primo sguardo, niente unisce Smita, Giulia e Sarah. Smita vive in un villaggio indiano, incatenata alla sua condizione d'intoccabile. Giulia abita a Palermo e lavora per il padre, proprietario di uno storico laboratorio in cui si realizzano parrucche con capelli veri. Sarah è un avvocato di Montreal che ha sacrificato affetti e sogni sull'altare della carriera. Eppure queste tre donne condividono lo stesso coraggio. Per Smita, coraggio significa lasciare tutto e fuggire con la figlia, alla ricerca di un futuro migliore. Per Giulia, coraggio significa rendersi conto che l'azienda di famiglia è sull'orlo del fallimento e tentare l'impossibile per salvarla. Per Sarah, coraggio significa guardare negli occhi il medico e non crollare quando sente la parola «cancro». Tutte e tre dovranno spezzare le catene delle tradizioni e dei pregiudizi; percorrere nuove strade là dove sembra non ce ne sia nessuna; capire per cosa valga davvero la pena lottare. Smita, Giulia e Sarah non s'incontreranno mai, però i loro destini, come ciocche di capelli, s'intrecceranno e ognuna trarrà forza dall'altra. Un legame tanto sottile quanto tenace, un filo di orgoglio, fiducia e speranza che cambierà per sempre la loro esistenza.

La recensione di Libriinuscita

'La treccia' è un romanzo che si legge facilmente anche se i contenuti sono talmente tanto profondi e sentiti che scavano dei solchi nella nostra anima; non si parla soltanto di donne, ma di guerriere; donne con la 'd' maiuscola, quelle che non si lasciano fagotare dagli eventi o dalla loro natura, ma che cercano di mutare il proprio destino anche opponendosi ad esso con tutte le proprie forze. Tre donne che non hanno nulla in comune, se non questa voglia di lottare con le unghie e con i denti per affermarsi e non soccombere alla vita stessa che certe volte pare essere non solo assurda, ma anche beffarda. 
Non conoscevo l'autrice, ma consiglio la lettura de 'La treccia' perché è un libro che vi farà pensare molto e vi darà degli stimoli per 'andare avanti'.

sabato 12 maggio 2018

La recensione di 'Divorare il cielo'

Titolo: Divorare il cielo
Autore: Paolo Giordano
Editore: Einaudi
PUBBLICATO A MAGGIO 2018
Pagine: 430
Acquistalo su Amazon


'Divorare il cielo' mi ha incuriosito sin dalla sua uscita, non solo per la copertina, molto accattivante, ma anche per l'autore, già noto per 'La solitudine dei numeri primi'. La sinossi non mi ha particolarmente incuriosito, e infatti pensavo di leggere il solito romanzo scontato e senza attrattiva. Per fortuna Paolo Giordano ha saputo rapire la mia attenzione per tutte le 430 pagine del libro, letto in appena tre giorni. E ora eccomi qui a raccontarvi la mia recensione. Vi riporto anche la sinossi del libro, in modo da farvi un'idea della trama.

Sinossi

La prima volta che Teresa li vede stanno facendo il bagno in piscina, nudi, di nascosto. Lei li spia dalla finestra. Le sembrano liberi e selvaggi. Sono tre intrusi, dice suo padre. O tre ragazzi e basta, proprio come lei. Bern. Tommaso. Nicola. E Teresa che li segue, li studia, li aspetta. Teresa che si innamora di Bern. In lui c'è un'inquietudine che lei non conosce, la nostalgia per un'idea assoluta in cui credere: la religione, la natura, un figlio. Sono uno strano gruppo di randagi, fratelli non di sangue, ciascuno con un padre manchevole, carichi di nostalgia per quello che non hanno mai avuto. Il corpo li guida e li stravolge: la passione, la fatica, le strade tortuose e semplici del desiderio. Il corpo è il veicolo fragile e forte della loro violenta aspirazione al cielo. E la campagna pugliese è il teatro di questa storia che attraversa vent'anni, quattro vite, un amore. Coltivare quella terra rossa, curare gli ulivi, sgusciare montagne di mandorle, un anno dopo l'altro, fino a quando Teresa rimarrà la sola a farlo. Perché il giro delle stagioni è un potente ciclo esistenziale, e la masseria il centro esatto del mondo.


La recensione di 'Divorare il cielo'

'Divorare il cielo' mi è piaciuto sin dalle prime pagine, e non perché ormai mi fossi prefissa di leggerlo, ma perché oltre a parlare della campagna pugliese a me ben nota, racconta una storia che potrebbe essere anche vera. Ho rivissuto momenti delle mie estati in campagna di tanti e tanti anni fa, attimi che tutti abbiamo scolpiti nei nostri ricordi più cari e che non potremmo mai dimenticare. 'Divorare il cielo' ti fa ritornare adolescente, ti fa battere il cuore e ti fa soffrire insieme ai protagonisti. Bern, Tommaso e Nicola, così diversi da Teresa, non solo per estrazione sociale, ma anche per il loro vissuto quotidiano. A volte ci chiediamo cosa possano mai avere in comune dei ragazzi così diversi tra loro, eppure forse a volte è proprio la diversità a far incontrare le persone e a tessere legami che poi diventano indelebili. Ma i legami indelebili esistono o siamo soltanto noi che ci aggrappiamo con tutte le nostre forze nella speranza che essi si mantengano e il tempo non li possa scalfire? Che dire poi dell''insoddisfazione lieve che infettava tutto': chi di noi non l'ha mai provata? Teresa la leggeva negli occhi di Bern: 'avrei dovuto intuire quanto soffriva per ciò che non aveva mai fatto, mai visto, mai sperimentato; l'invidia che forse provava per la mia vita che si svolgeva lontano, e in cui Speziale era solo una parentesi'. 
Se vi consiglio 'Divorare il cielo'? Leggetelo subito... sopratutto se avete dai 30 ai 90 anni! Vi sembrerà di ritornare bambini, poi adolescenti, poi adulti! Un mondo raccontato con gli occhi di chi quel mondo forse ha fatto in tempo ancora a vederlo. Grazie e Paolo Giordano per avermi fatto vivere momenti indimenticabili!











domenica 29 aprile 2018

Libri in uscita: L'esercizio del distacco

Uno dei libri in uscita il prossimo 3 maggio è già tra i primi in classifica sui migliore store online. Si tratta di un libro che leggeremo presto e che abbiamo il piacere di presentarvi proprio perché ha destato il nostro interesse. Si tratta de 'L'esercizio del distacco' di Mary Barbara Tolusso, edito da Bollati Boringhieri Editore.


Sinossi

La protagonista, insieme ai suoi compagni Emma e David, vive in un collegio immerso nei boschi e nella natura appena fuori Trieste. Lontani dalle rispettive famiglie, vivono educati in modo piuttosto rigido al controllo delle emozioni. Il loro amore però è tutto particolare; un triangolo 'elettivo' fatto di sentimenti molto forti e incondizionati. La loro vita scorre tranquilla scandita dalle lezioni, dai compiti, lo sport e le lunghe passeggiate nel parco; non immaginano che prima o poi le loro esistenze si divideranno e prenderanno strade diverse. Anni dopo, di quell'amicizia rimane soltanto una vecchia foto e il punto interrogativo su cosa ne è stato di loro.

Titolo: L'esercizio del distacco
Autore: Mary B. Tolusso
Editore: Bollati Boringhieri
Uscita: 3 maggio 2018
n° di pagine: 175











mercoledì 28 marzo 2018

Magari domani resto: la recensione di Libriinuscita

Titolo: Magari domani resto
Autore: Lorenzo Marone
Editore: Feltrinelli Editore
Acquistalo su Amazon

Ho iniziato a leggere 'Magari domani resto' per caso, come quasi tutti i libri che mi capita di leggere. La copertina non mi affascinava più di tanto, e nemmeno il titolo era accattivante. Eppure ho deciso di leggerlo nonostante non conoscessi l'autore (non me ne voglia Lorenzo Marone, ma non ho mai letto nulla di suo) e nonostante mi fossi ripromessa di non leggere nemmeno la sinossi del libro. Volevo fosse una sorpresa. E così è stata. Una piacevolissima sorpresa.

Sinossi

Luce è una trentenne napoletana che fa l'avvocato. Ha sempre vissuto nello stesso quartiere, i Quartieri Spagnoli, ed è una giovane onesta e combattiva. Abbandonata dal padre quando era soltanto una bambina, è cresciuta con la madre bigotta e infelice e il fratello che a un certo punto ha deciso di andare a vivere al nord. Anche il suo eterno fidanzato l'ha mollata per rincorrere i suoi sogni, e a lei non resta altro che passeggiare sul lungomare con il suo cane, chiacchierare col vicino di casa e cercare di tenere al largo il suo capo, un avvocato cascamorto che la corteggia spudoratamente. Un giorno a Luce viene assegnata la prima causa della sua vita: l'affidamento di un minore. Nella sua vita entrano improvvisamente un bambino speciale, un artista di strada e una rondine che non ha nessuna intenzione di migrare. Forse è l'occasione giusta per sciogliere i nodi del passato e risolvere un dubbio: andarsene come hanno già fatto il padre e il fratello oppure restare?

La recensione di Libriinuscita

'Magari domani resto' è stata davvero una scoperta. Un libro piacevolissimo, la cui lettura scorre facilmente e allegramente. Luce è un personaggio tipicamente napoletano, schietta e vera, senza peli sulla lingua. I personaggi vengono descritti in maniera talmente realistica anche attraverso il loro carattere, che sembra quasi di vederli e toccarli; il lettore a un certo punto della storia si sente quasi parte del racconto e inizia a credere di conoscere i Quartieri Spagnoli come le sue tasche. 

Le frasi più belle de 'Magari domani resto'

'La vita sa essere fetente, 
cazzuta e ribelle,
e mica se ne frega delle tue preghiere
e di cosa speri,
l'amore te lo regala se ne ha voglia.
E quando dice lei'


'La felicità è silenziosa.
Se fai troppo casino, lei ti passa sulla testa e nemmeno la senti'

'Si dice che la vita si dipani in modo imprevedibile 
e che i bivi che ci portano a cambiare strada spesso si presentino senza motivo, per una circostanza accidentale, un po' di fortuna o sfortuna' 





domenica 11 marzo 2018

Libri in uscita a marzo 2018

I libri in uscita di Marzo 2018 sono molto numerosi e interessanti. Spero di riuscire a nominarli tutti e, se così non dovesse essere, non me ne vogliate. Aiutatemi invece ad arricchire la lista con i titoli che riterrete più opportuni.



Il primo libro che mi piacerebbe leggere è 'Quello che so delle donne' edito da Rizzoli, dell'autore che abbiamo già conosciuto in 'Dieci magnitudo'. 'Quello che so delle donne' ha come protagonista William, psicologo, che attraverso la sua professione ha sparato a conoscere le donne e a salvarle da anoressia e depressione. Finché nella sua vita non entra Sofia, che riesce a sconvolgerle la vita in un istante. Lei è un uragano e lui, silenzioso e riflessivo sembra non aver niente n comune con lei, e forse è proprio così. I due si innamorano, si rincorrono e si ritrovano legati. Ma Sofia ha un lato nascosto, ed è proprio lì che custodisce le sue paure, le parole non dette, le sue notti insonni. E' proprio grazie a Sofia che William scoprirà che un uragano può distruggerti, dominarti, farti impazzire. Ma quando lo incontri, è per sempre. Disponibile dal 20 marzo

Altro libro interessante è 'Una vita da libraio' edito da Einaudi, uscito in libreria lo scorso 6 marzo. 


'Una vita da libraio' è ambientato in un paesino sulle coste scozzesi, e la vera protagonista è una libreria dell'usato. Un chilometro e mezzo di scaffali, milioni e milioni di libri in un susseguirsi di stanze. Qui si consumano le vite di una serie di strambi personaggi, dal cliente che si complimenta per la vetrina senza sapere che le pentole servono per raccogliere la perdita d'acqua dal tetto, alla vecchietta che chiama alla ricerca dei titoli più assurdi, fino alle persone che vogliono disfarsi dei libri che per anni hanno accumulato in casa. Shaun Bythell è un libraio che, nonostante Amazon, ha deciso di non arrendersi e di raccontare la sua storia.

Tra i libri che sicuramente prevedo di leggere, c'è 'Horror' di Dario Argento, edito da Mondadori e disponibile in libreria dal 6 marzo. 



'Horror' è una raccolta di racconti scritti dal maestro dell'horror Dario Argento. Le storie he escono dalla sua penna sono verosimili e raccontano di donne, bambini, demoni, studiosi e personaggi storici che si trovano a vivere esperienze inquietanti e spaventose. Tutte le storie sono ambientate in luoghi ben precisi, la villa dei Mostri a Palagonia, gli Uffizi a Firenze, la Biblioteca Angelica a Roma.
L'ultimo libro di cui voglio parlarvi oggi è 'Uno di noi sta mentendo' di Karen Mc Manus, edito da Mondadori e disponibile in libreria dal 6 marzo.

'Era una bugia che raccontavo perché era più facile della verità. E perché un po' ci credevo. So cosa significa raccontarsi una bugia così tante volte da farla diventare realtà. Ma la verità viene sempre fuori. Prima o poi'
'Uno di noi sta mentendo' racconta di 5 studenti che devo trascorrere un'ora di punizione nella stessa aula. Tra loro c'è Bronwen, studentessa modello che ha come unico obiettivo essere ammessa in una prestigiosa università e fare felici i suoi genitori; Nate, capelli scuri e giubbotto di pelle, in liberà vigilata per spaccio; Cooper, campione della squadra di baseball e idolo di tutte le ragazze della scuola; Addy, una ragazza graziosa che dietro l'apparenza cerca di tenere insieme i pezzi della sua vita; Simon, lo strambo ed emarginato che ha inventato un'app che ogni settimana rivela dettagli piccanti sulla vita privata degli studenti della sua scuola. I 5 studenti non sono amici, anche se si conoscono da 6 anni; ognuno di loro non è come appare e dietro la facciata pubblica nasconde un mondo di paure e fragilità. Inaspettatamente Simon cade a terra e muore; quella che sembrava una morte per malore, si scopre essere un omicidio e il mondo dei 4 superstiti diventa un vero inferno. L'ultimo post mai pubblicato di Simon, riguardava proprio loro 4 che da semplici testimoni si ritrovano ad essere i principali indagati per omicidio... 

domenica 25 febbraio 2018

'Uomini che restano': la recensione



Autore: Sara Rattaro
Titolo: Uomini che restano
Editore: Sperling & Kupfer

Leggere un libro di Sara Rattaro è ogni volta un piacere; forse è l'unica scrittrice di cui ho letto veramente tutto, sin da 'Un uso qualunque di te', che ha fatto sì che io la conoscessi. Ogni volta mi lascia addosso delle 'emozioni' che raccontare solo a voce sarebbe troppo riduttivo. Sentimenti autentici, dolore, gioia, sofferenza ed esaltazione si compenetrano vicendevolmente non solo in 'Uomini che restano', ma in tutti i suoi romanzi. Il lettore diventa 'dipendente' dal romanzo e fino all'ultima pagina vi rimane incollato, senza riuscire a smettere di leggere, tanto che ne vorrebbe ancora e ancora. E' una cosa che succede di rado, e non sempre per lo stesso autore, e invece con Sara Rattaro è praticamente un appuntamento fisso; non riesco a smettere di leggerla finché non arrivo all'ultima pagina. I suoi personaggi sono non solo veri, ma reali; il lettore ne tocca i sentimenti più intimi e nascosti senza poter fare a meno di soffrire e gioire con essi. Sembra scontato, ma questa sorta di 'magia' non accade con tutti gli scrittori, solo con quelli speciali. 

Sinossi
All'inizio non si accorgono nemmeno l'una dell'altra, ognuna rapita dal panorama di Genova, ognuna intenta a scrivere sul cielo limpido pensieri che dentro fanno troppo male. Fosca e Valeria si incontrano per caso nella loro città, sul tetto di un palazzo dove entrambe si sono rifugiate nel tentativo di sfuggire al senso di abbandono che a volte la vita ti consegna a sorpresa, senza chiederti se ti senti pronta. Fosca è scappata da Milano e dalla confessione scioccante con cui suo marito ha messo fine in un istante alla loro lunga storia, una verità che per anni ha taciuto a lei, a tutti, persino a se stesso. Valeria nasconde sotto un caschetto perfetto e un sorriso solare i segni di una malattia che sta affrontando senza il conforto dell'uomo che amava, perché lui non è disposto a condividere con lei anche la cattiva sorte. Quel vuoto le avvicina, ma a unirle più profondamente sarà ben presto un'amicizia vera, di quelle che ti fanno sentire a casa. Perché la stessa vita che senza preavviso ti strappa ciò a cui tieni, non esita a stupirti con tutto il buono che può nascondersi dietro una fine. Ti porta a perderti, per ritrovarti. Ti costringe a dire addio, per concederti una seconda possibilità. Ti libera da chi sa soltanto fuggire, per farti scoprire chi è disposto a tutto pur di restare al tuo fianco: affetti tenaci, nuovi amici e amici di sempre, amori che non fanno promesse a metà.

Questa volta, contrariamente allo schema che seguo nelle recensioni, ho scritto la recensione di 'Uomini che restano' prima di svelarvi la trama, ma tutto questo perché dietro certi piccoli capolavori, la trama passa in secondo piano e i sentimenti si scoprono pagina dopo pagina. Ogni tanto è bene farsi trascinare non tanto dalla quarta di copertina ma solo dalle sensazioni che il libro ha trasmesso a chi lo ha letto prima di noi. Cosa ne pensate?