mercoledì 10 febbraio 2016

Recensione 'Per dieci minuti' di Chiara Gamberale





Titolo: Per dieci minuti
Autore: Chiara Gamberale
Editore: Universale Economica Feltrinelli
Pagine: 180

Nell'attesa del nuovo romanzo di Chiara Gamberale, 'Adesso' in uscita domani 11 febbraio, noi recensiamo 'Per dieci minuti'.

Sinossi

Chiara mette alla prova se stessa e decide di ricominciare a vivere facendo per dieci minuti al giorno per un mese intero, una cosa mai fatta prima. Sperimenterà cose nuove, non necessariamente cose fuori dal comune, ma esperienze semplici come cucinare pancake, camminare di spalle per la città, ballare l'hip hop, dare il cellulare a uno sconosciuto o ascoltare i problemi di sua madre. Quei dieci minuti al giorno la porteranno a comprendere realtà che prima non aveva mai tenuto in considerazione e le faranno fare scelte sorprendenti. 

La recensione di 'Per dieci minuti'

La protagonista viene abbandonata dal marito e si ritrova a dover vivere il dolore sola, nonostante genitori e fratelli le stiano vicino per quanto possibile. 'Passato il momento del dolore insopportabile però, non c'era più nemmeno quello a farle compagnia'. Su suggerimento della sua analista, per un mese intero, ogni giorno deve dedicare 10 minuti del suo tempo a fare qualcosa che non ha mai fatto. Chiara inizia così il 'gioco' dei dieci minuti, in cui inizia a fare cose che nei suoi 'quasi 36 anni' di vita non ha mai fatto; nel frattempo impariamo a conoscere il suo rapporto col marito, un rapporto in cui le discussioni venivano chiuse con 'fai un po' come credi', sia da parte di lui che di lei. Un rapporto in cui 'si diventa così sordi quando la paura di perdersi supera la voglia di trattenersi...'. 
Noi di Libriinuscita abbiamo letto soltanto i primi capitoli di 'Per dieci minuti', ma vi possiamo assicurare che lo stile di Chiara Gamberale si ritrova tutto, in ogni pagina, in ogni parola. E' un romanzo in cui molti di noi si ritrovano facilmente, soprattutto chi ha perso qualcuno o qualcosa.