lunedì 22 febbraio 2016

Recensione 'Sette lettere da Parigi'



  • Titolo: 'Sette lettere da Parigi'
  • Autore: Samantha Vérant
  • Formato: Formato Kindle
  • Lunghezza stampa: 181
  • Editore: SPERLING & KUPFER (9 febbraio 2016)

Sinossi

Un ragazzo francese e una ragazza americana passano insieme ventiquattr'ore a Parigi. Un incontro casuale che sembra l'inizio di una bellissima e travolgente storia d'amore. Peccato che i due si separino per sempre il giorno dopo. Il ragazzo scriverà a Samantha sette lettere d'amore, cui lei non darà mai seguito. Passano vent'anni e la vita di Samantha è un disastro: ha perso il lavoro, il suo matrimonio va a rotoli ed è piena di debiti. Decide di tornare a vivere dai genitori e di fare la dog sitter per pochi dollari. Qui, mettendo ordine tra le sue cose, trova quasi per caso le lettere del ragazzo francese. 
Decide di rintracciarlo e di chiedergli scusa per quel silenzio.  Dopo centinaia di mail e telefonate infinite Jean-Luc le manda un biglietto aereo per Parigi. Questo romanzo è un 'inno alle seconde chance che la vita ci sa offrire. E al coraggio di ricominciare, anche quando tutto sembra perduto'.

La recensione di 'Sette lettere da Parigi'

'Questa è la storia di come ho riavviato da zero la mia vita e fatto ripartire il mio cuore'. 'Sette lettere da Parigi' è un romanzo autobiografico, vissuto direttamente dall'autrice; una storia romantica e quasi da favola che fa riflettere e ci regala speranza e positività. La vita non deve essere necessariamente un disastro. Anche agli errori più eclatanti si può sempre rimediare. Questa è la storia di Samantha; un matrimonio ormai finito, senza un lavoro e senza un obiettivo nella vita, se non quello di lamentarsi di come sta andando tutto a rotoli, finché la sua migliore amica non le suggerisce l'idea di un love blog, dove pubblicare le sette bellissime lettere d'amore che un ragazzo francese incontrato durante un viaggio a Parigi, le scrisse per tenere vivo il sentimento che nutriva per lei. Peccato che Samantha non avesse la minima intenzione di continuare una relazione a distanza, soprattutto per via del padre, un uomo che l'aveva abbandonata e che ricompariva sporadicamente nella sua vita, minandone le fondamenta. La trama è molto carina; peccato però che le prime pagine non mi abbiano proprio entusiasmato. Mi piacciono molto i libri che partono in un certo modo, quelli che coinvolgono il lettore sin dalle prime righe. 'Sette lettere da Parigi', pur essendo scritto molto bene, parte un po' in sordina. Libriinuscita ha letto soltanto i primi capitoli, per cui la nostra recensione è soltanto parziale. Può darsi che man mano che si entra nel vivo della storia l'interesse del lettore venga stuzzicato e la trama diventi più interessante. 

Ad ogni modo è un romanzo che sta per essere tradotto in 12 paesi e sarà trasformato in un film per il cinema.